Lapide a Giacomo Giro

Lapide a Giacomo Giro al monastero degli olivetani di Rovigo
Il volto pacioso del personaggio effigiato sembra voler tranquillizzare dalle minacce dell’anatema papale, porgendo un sereno benvenuto all’ospite.
Vi è raffigurato Giacomo Giro, facoltoso ed illuminato personaggio rodigino, distintosi nel corso del XIX secolo per iniziative umanitarie, utili sotto il profilo sociale e civile. La collocazione del busto vuole ricordare come Giacomo Giro, nel 1844, avesse messo a disposizione della collettività l’immobile dell’ex convento, a suo tempo acquistato dal nonno dopo la chiusura decretata dalle leggi napoleoniche. L’obiettivo fu quello di dare una destinazione più decorosa agli ospiti della Casa di Riposo, precedentemente alloggiati nei locali molto meno salubri dell’ex convento dei Cappuccini, ubicato presso la chiesetta di S. Michele, in locali ove successivamente fu eretto l’Istituto Magistrale C. Roccati.
Lino Segantin, Nel chiostro degli Olivetani, Ventaglio n. 36 - Gennaio 2008
Giacomo Giro di Virgilio Milani agli Olivetani, Rovigo lapide a Giacomo Giro, Virgilio Milani agli Olivetani, Rovigo
0